Tecniche di Scrittura Persuasiva: convincere il lettore più che il motore di ricerca!

da Ago 27, 2015Content2 commenti

[rt_reading_time label=”Tempo di lettura:” postfix=”minuti”]

 

Siate onesti: ormai quando sentite parlare di copywriting, non potete fare a meno che pensare alle tecniche di scrittura legate alla SEO. Non è così?

Eppure, il mestiere del copywriter esiste da molto prima che la SEO venisse al mondo. (Ve ne avevo già parlato in un articolo sui mestieri della scrittura online, ma del resto repetita iuvant!)

Cosa significa essere un Copywriter

Indissolubilmente connesso con il mondo della pubblicità e dell’editoria, il ruolo del copywriter, o redattore pubblicitario che dir si voglia, è di fondamentale importanza in una campagna di comunicazione e marketing.

Esiste, infatti, qualcosa di più efficace delle parole per convincere e persuadere il proprio target? E badate bene che il verbo “persuadere” non è stato utilizzato a caso!

Tuttavia, con l’avvento della SEO, l’obiettivo principale di un’attività di copywriting (sul web, s’intende) è necessariamente mutato: non era più il lettore da dover prendere all’amo, bensì il motore di ricerca.

Di certo per scrivere un buon testo sul web non si può prescindere dal considerare alcune regole di SEO Copywriting, ma siamo sicuri che nel rispettarle non venga compromesso il rapporto con i nostri lettori?

Come facciamo, quindi, a mantenerci in buoni rapporti sia con chi ci legge sia con il motore di ricerca? Come possiamo catturare l’attenzione dei lettori solo attraverso le parole?

Per rispondere a queste domande, oggi voglio presentarvi alcune delle tecniche di scrittura persuasiva che ogni buon copywriter dovrebbe conoscere!

Tecniche di Scrittura Persuasiva: A Forest Pie

A F.o.r.e.s.t. P.i.e. 

No, non è un invito ai più golosi, nè un esperimento culinario. Si tratta di un simpatico acrostico che, in lingua inglese, viene adottato per ricordare alcune efficaci tecniche di scrittura persuasiva.

Del resto non c’è cosa peggiore, quando si ha a che fare con un lavoro creativo, di dover tenere a mente decine di regole, non è così?

E allora, vediamo insieme e nel dettaglio cosa nasconde la nostra Forest Pie!

A di Alliteration (Alliterazione)

Si tratta di una figura retorica che consiste nella ripetizione di una lettera, di una vocale o di un suono tra due o più parole vicine. Nella scrittura persuasiva ha la capacità di esaltare una certa frase e, dunque, una situazione particolare.

F di Facts (Fatti)

Citare delle circostanze o delle situazioni realmente accadute rende il vostro testo molto più credibile agli occhi dei lettori.

O di Opinion (Opinione)

Si tratta di esprimere il vostro punto di vista o quello di un personaggio famoso su un determinato argomento. Pensate di dover scrivere un testo promozionale per un nuovo capo d’abbigliamento: non credete che sia più efficace citare il punto di vista di un personaggio famoso a proposito di quel determinato prodotto?

R di Rhetorical Questions (Domande Retoriche)

Rileggete l’ultima riga. Bene, quella è una domanda retorica, ovvero una domanda che prevede una risposta predeterminata. Come vedete le domande retoriche hanno il potere di amplificare un concetto, di renderlo evidente.

E di Emotive Language (Linguaggio Emotivo)

Fare leva sui sentimenti dei lettori è un’altra efficace tecnica di scrittura persuasiva. Viene adottata molto spesso nei messaggi pubblicitari, fateci caso!

S di Statistics (Statistiche)

Qual è il modo migliore per convincere qualcuno dell’efficacia di un determinato prodotto? Ovviamente parlare di numeri! In alcuni casi le statistiche sono in grado di impressionare molto più che le parole!

T di Triplets (Tripletta)

E’ una tecnica che consiste nell’adottare tre aggettivi consecutivi, così da rafforzare il valore di un concetto. La tripletta viene principalmente adottata nei dibattiti o nei discorsi politici, ma in alcuni casi può essere di grande impatto anche nei testi pubblicitari.

P di Personal Pronouns (Pronomi Personali)

Ricordatevi di rivolgervi direttamente ai vostri interlocutori!

I di Imperative (Imperativi)

Vuoi che qualcuno faccia qualcosa? Usa un imperativo! Ma, senza dimenticare il garbo, mi raccomando!

E di Exaggeration (Iperbole)

E’ l’esagerazione di una situazione o un concetto allo scopo di renderlo maggiormente credibile agli occhi del proprio destinatario. Se ci riflettete, sono espressioni che usiamo tutti i giorni: “non ci vediamo da un secolo”, chi non l’ha mai detto a un amico che non vedeva da tanto?!

Ora, non è detto che in un testo debbano comparire tutti questi elementi (sono anche convinta che alcune di queste regole si adattino meglio alla lingua inglese piuttosto che a quella italiana), ma tenerne in considerazione una parte di esse, può essere di grande aiuto quando si ha a che fare con la stesura di un copy persuasivo.

E voi, vi siete mai cimentati nel persuasive copywriting? Quali tecniche di scrittura adottate in questi casi? Raccontatemelo in un commento!

 

 

 

2 Commenti

  1. Ilario Gobbi

    Ciao, non conoscevo questo acrostico, devo dire che rende bene l’idea del compromesso tra attenzione SEO e cura per il lettore: un taglio emozionare, porgersi in prima persona e fornire un contenuto utile è il primo passo per diventare autori preziosi per la propria nicchia.

    • Deborah Ascolese

      Ciao Ilario,
      si, l’idea dell’acrostico, è un ottimo modo per ricordare tutti gli elementi da adottare in un copy persuasivo. Curare il testo credo sia uno dei fattori più importanti da tenere in considerazione. Soprattutto ora che, nel mondo SEO, il focus si sta spostando sempre più verso il contenuto.
      Ti ringrazio per l’apprezzamento! 😀
      A presto,

Invia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.